Drupal App ché???

19 contenuti / 0 new
Ultimo contenuto
Drupal App ché???

Salve a tutti,
sulla mia home di twitter sono comparsi dei messaggi con il molto enigmatico tag #drupalappstore....
Soprattutti ho visto un articolo (abbastanza contrario all'idea direi) che devo dire mi ha preoccupato un pò (nel senso che anche io non sono molto d'accordo nel creare uno store): http://morten.dk/blog/drupalappstore-killed-drupal

Volevo chiedere ai boss del forum se sanno qualcosa in più relativamente all'argomento.
C'è davvero l'intenzione di creare uno store per i moduli Drupal?
Mi piacerebbe sapere le vostre opinioni su questa cosa.

PAY OR NOT TO PAY......!?!? THIS IS THE QUESTION!!!

C'è davvero l'intenzione di creare uno store per i moduli Drupal

leggevo qualche settimana fa sul sito di Dries Buytaert dell'avvicinamento di molti sviluppatori joomla verso drupal 7 ritenuto da loro molto più interessante per sviluppare nuovi moduli al contrario di joomla 1.6 ,considerato non migliore della versione precedente,ed ecco il risultato,la concessione da parte di Dries di sviluppare moduli a pagamento che renderebbero drupal più attraente di joomla ed avvicinerebbe molti nuovi utenti

Però non mi è chiaro come potra essere gestito.
Tutti i moduli verranno messi a pagamento?
In tal caso credo che il miglioramento del codice dei vari moduli potrebbe venire rallentato, dato che per definizione una cosa a pagamento più che avvicinare, allontana, e di conseguenza ci sarebbero meno feedback da parte anche di sviluppatori che utilizzano drupal per i propri progetti chiamiamoli "passatempo".
Cosa ne dite?

Sinceramente non ho seguito la questione, ma ho letto anche io di un "DrupalApp" store. Ignorando come possa essere gestito, credo che una fonte di remunerazione per i programmatori potrà essere solo un incentivo ad incrementare la produttività di moduli... essendo attratti anche da un guadagno...

Resto curioso di come evolverà la cosa.

Slice2Theme Servizio per la conversione di Design in markup HTML e/o temi.

WeBrain Solution | Pillsofbits Of Bits

Si effettivamente quella potrebbe essere l'altra faccia della medaglia.
Io mi mettevo un pò dall'altra parte della sponda invece. Nel mio caso ad esempio, dovevamo sviluppare un sito web con il minor impiego di risorse economiche possibile, e drupal è stata ovviamente la scelta migliore, perchè è non solo professionale ma anche gratis e quindi provando e riprovando, alla fine siamo riusciti a fare un lavoro molto buono. Se per utilizzare i moduli che ci servivano (o anche solo per provarli, tralaltro) avessimo dovuto pagare probabilmente avremmo abbandonato il progetto scoraggiati.
Come ci si potrà confrontare con queste piccole realtà, che non utilizzano drupal per scopi professionali come invece fa uno sviluppatore dipendente di un azienda o un freelance?
Non sarebbe più utile un meccanismo di donazioni piuttosto?

comunquemente saranno contenti wordpress, xoop, joomla, ecc.
un parere ?
Un ottimo Cavallo di Troia... complimenti all'inventore !!!

Lavatrice ad ultrasuoni
Sito http://www.ultrasuoni.net > Client service and contacts: ultrasuoniindustrial@libero.it

wtf?

Spero ci siano solo alcuni rari moduli molto complessi e poco usati che diventino a pagamento, anche se sarebbe meglio di no.
Ma drupal non è sotto GPL? Quindi un modulo che non è un "vestito" ma una vera e propria parte integrante del CMS deve andare sotto la stessa licenza.

In realtà no credo sia proprio così. La licenza GPL non ti impedisce di "vendere" un software, ti impone piuttosto di lasciare libero chi acquista il tuo software di modificarlo e ridistribuirlo come meglio crede (correggetemi se sbaglio ma mi sembra sia così).

http://www.gnu.org/philosophy/selling.html

Ovviamente l'obiettivo di questo topic non era di sollevare delle polemiche, se hanno pensato a questo probabilmente avranno valutato tutti gli aspetti della questione, volevo solo sapere le opinioni di chi usa drupal per "lavoro" e quelle di chi lo usa anche per "diletto".

Per me NON è una buona cosa...
... per il fatto che tantissime volte scarichi un modulo apposito, lo testi, provi e ti accorgi che non è cià di cui avevi bisogno o non è quello che cercavi.

Quindi non puoi obbligare uno a comprare un modulo per poi accorgerti che non è quello che ti serviva.

Drupal è uno strumento che realmente ha successo proprio perchè i moduli sono free.

@Darth : hai ragione, infatti non è mai esistito che Open Source voglia dire Gratis, non è un problema di polemiche, questo tipo di scelte faranno traslocare utenza verso altri lidi, ma non per questioni di costi (5 euro a modulo o giù di lì), ma per il fastidioso sistema.. diventerà una Questione di Principio.
Non credo molto nella teoria "pochi ma buoni" ma ognuno è libero di far quel che crede a casa sua.
Drupal lo uso sia per diletto che per lavoro. Contrariamente ad altri che diranno quanto sia bella questa "operazione chirurgica", io sono convinto che Non lo è.

>> Su Joomla (per saperlo) è vietato postare/chiedere moduli e altro a pay ...anche "stando sul vago".

Lavatrice ad ultrasuoni
Sito http://www.ultrasuoni.net > Client service and contacts: ultrasuoniindustrial@libero.it

ma non cambierà nulla per drupal e per chi lo usa
ci saranno moduli in più a pagamento ,come succede per joomla che ha all'incirca metà delle estensioni a pagamento ,però è molto più usato di drupal in italia e nel mondo

si alla fine immagino anche io che sarebbe una cosa del genere. Blindare del tutto i moduli sarebbe piú controproducente che resto. Cmq vi ringrazio tutti per aver espresso le vostre opinioni :) ritengo che il confronto in una comunitá sia una cosa preziosissima per il suo sviluppo :)

Come come come?.. Moduli a pagamento?... Sta cosa mi lascia molto molto ma molto perplesso e sinceramente mi fa accendere un bel campanello di allarme... Se dovesse rivelarsi vera questa notizia,con il tempo ci ritroveremo con i moduli piu importanti a pagamento,e tutti quelli minori con un bel link pubblico alla pagina del creatore,,nonchè credits in area amministrativa (bella roba !!!) .... Finche si parla di PRIVATI o DITTE che creano moduli specifici o temi altrettanto specifici la cosa ci sta,ma se dietro a tutto questo c'è l'ombra di Dries e addirittura uno store,beh cari ragazzi lo dico sin da ora,nn esitero' un minuto di piu a rivolgermi ad altre piattaforme meno conosciute e documentate ma altrettanto valide ... ed ho già in mente un paio di nomi.. !!!

Premesso che ANCHE ORA volendo si può rilasciare un modulo A PAGAMENTO per drupal, ma non su http://drupal.org che non prevede un App Store. La vera domanda era se la DA dovesse occuparsi di realizzare all'interno di Drupal.org questa piattaforma. Dal web si hanno molti feedback negativi, quindi CREDO che non verrà implementata (per lo meno non nel medio-breve periodo), ma nulla vieta che qualcuno fuori lo facci (vedi per esempio i temi a pagamento).

Il fatto che sia giusto o meno fare moduli a pagamento... ognuno ha le use opinioni e in quanto tali rispettabilissime, personalmente credo che in alcuni contesti sono sopratutto i piccoli soggetti e i privati ad avvantaggiarsi di questi strumenti, mentre le grandi entità (che possono permettersi investimenti per realizzare lo strumento che gli serve) continuerebbero a "svilupparsi i pezzi che servono", come accade ora, quindi potrebbe essere anche un fattore positivo PURCHE' -appunto- sia possibile fare un uso "da studio" dei moduli.

Come dicevo inizialmente non credo che l'App Store (che poi sarebbe il module store) avrà seguito, quindi credo che per un pò (un bel pò) si potrà stare tranquilli ;)

Ciao
Marco
--
My blog
Working at @agavee

questi post dove si può inviarli velocemente, su drupal.org ?
le lamentele le stanno inviando gli utenti o ANCHE "qualche amministratore" di Forum Drupal ?

Qui ho trovato qualcosa

Lavatrice ad ultrasuoni
Sito http://www.ultrasuoni.net > Client service and contacts: ultrasuoniindustrial@libero.it

Se dalla parte dell'utente è buono avere i moduli/temi gratis, dalla parte degli sviluppatori freelance, creare e mantenere un modulo ha un bassissimo ROI nel breve termine, se consideriamo solo le donazioni e non la "fama" di creare qualcosa di molto usato in giro per il web.

Faccio un esempio che parte dalla mia esperienza personale: da anni sviluppo qualche modulo più o meno usato (mai realmente utilissimi, è vero), ma non ho mai ricevuto 50centesimi di donazione, neanche quando ho cercato di farmi sponsorizzare la versione 2 di un modulo che volevo rinnovare (jtooltips).

Prendiamo un altro esempio, sicuramente di altra portata: chiedete a Lioz, creatore di Marinelli, quante donazioni ha ricevuto in questi anni di sviluppo, con un tema che è il secondo più usato tra tutti quelli "pronti" (ovviamente la risposta la sapete già).

Con queste premesse è ovvio che il business non si può basare sullo sviluppo, ma su servizi accessori o sulla fama che dallo sviluppo arriva. E lo store andrebbe a colmare questo problema, sebbene non sia assolutamente certo che sia buona cosa, anche perché probabilmente non sarei qui se ci fosse stato uno store Drupal con tanti moduli a pagamento e pochi free buoni.

ringrazio mavimo e psicomante per i loro interventi :) sono d'accordo sul fatto che, mettendosi nei panni di uno sviluppatore che crea un modulo e si prende l'impegno di mantenerlo, sia molto difficile mantenere questo impegno senza ricevere un minimo sprone. Purtroppo la cultura del donare non riesce a prendere piede, e giá solo quello potrebbe risolvere molti di questi problemi. Forse educare la comunitá alle donazioni potrebbe essere piú utile che far pagare per poter continuare a usare lo strumento che piú preferiscono. In effetti il minimo contributo di ognuno potrebbe diventare qualcosa di grande per chi cerca di mantenere un modulo. Alla fine del video di presentazione di flattr, un sistema di social micropayments (www.flattr.com), viene detta una frase interessante: tanti piccoli corsi d'acqua formano un grande fiume ;)

Se tutto fosse free le donazioni arriverebbero, ma se per un software ti vanno a chiedere 500€ di sicuro quando hai qualcosa gratis te lo prendi. Questa è una formula che già funziona, di avere tutto gratis, perchè cambiarla quando Drupal 7 è stato un grande successo?
Se migrano moduli come cck, views e altri a pagamento secondo voi cosa viene fuori? Semplicemente molti che creano siti web per hobby non useranno più drupal, che finirà nel dimenticatoio.
Ci sono altri CMS alternativi a Drupal, se un cms si presenterà come gratuito e di alto potenziale verrà scelto quello dai programmatori e sviluppatori.

Invece di moduli pay come proposto dal guru tedesco meglio creare delle linee guida tassative di Drupal_Open_Source che elimini sul nascere la concorrenza prezzi tra i webmaster che fanno drupal e generi, per iscritto, delle norme di etica imprescindibili tra progettista - utente - webmaster - cliente finale. Insomma un modo inequivocabile di lavorare.

Il cliente potrà si cambiare il programmatore ma in base a scelte tecnologiche e a parità di prezzi/prestazioni : non certo per "concorrenza al ribasso".

Inutile anche lasciare la sola manutenzione al cliente finale + una garanzia full : meglio gestire, anche i contenuti ove possibile, coinvolgendo nuove leve (idonee), con contratti precisi, per collaborare e fare e ampliare il lavoro ( e non restringerlo ).

Forse l'ideatore di drupal non avrà i soldi di chi ha fondato la Canonical contro lo zio Billy, lo capisco.. anche, ma se crede, in buona fede, che facendo entrare euri da moduli-pay migliorerà le cose e farà l'interesse suo e del mondo Drupal .. ho paura che ha preso "sottogamba" alcuni fattori, es. :

- L'attuale situazione generale mondiale (mai visto una cosa cosi)
- La concorrenza (c'è anche quella)
- Il livello Mentis del cliente finale piccolo e medio ai quali proporre drupal piuttosto che altri cms
- L'impatto negativo su chi crede nel Freedom Of Choice e Free To Use in ambito informatico
- L'evidente fatto che Non tutti i clienti finali potenziali sono Società Per Azioni e Grandi Enti Iper-Statali o banche o multinazionali: l'italia,es., si basa sulla piccola impresa

Per i progettisti drupal : penso che facciano anche dell'altro (?), e se non li muove la passione non credo che i soldi dei moduli saranno un ottimo motore per incentivarli a medio e lungo termine.
Poteva essere utile un sondaggio preventivo tramite gli admin in tutti i forum, prima di lanciare.
Vedremo decisioni e risultati, speriamo in bene e che abbia ragione Mavimo.

Confesso che stò usando jtooltips a scrocco e da molti anni :DD è una cosa grave?

Lavatrice ad ultrasuoni
Sito http://www.ultrasuoni.net > Client service and contacts: ultrasuoniindustrial@libero.it